Il Territorio Della Marca Fermana

Il Residence Casabianca,  si trova a Casabianca di Fermo, nelle Marche. Nei pressi del Lido di Fermo coi suoi servizi e i suoi locali. Percorrendo il lungomare a 2 km troviamo Porto San Giorgio, vivace centro turistico con variegate proposte per i turisti. E poi, poco più in là, Fermo, ricca di storia, di cultura, di bellezza.

Fermo, città industriale, commerciale e agricola, è situata sulla parte più elevata di un colle tra le basse valli dei fiumi Tenna ed Ete Vivo, dove svetta la grande Cattedrale dedicata all?Assunta. Dista 6 km da Porto San Giorgio e 40 km da Macerata, ed è quasi equidistante da Ascoli Piceno (67 km) e da Ancona (68 km). Si articola in due parti: la zona storica, costruita sulla sommità e attorno al colle Sabulo, rimasta pressoché identica nei secoli rispetto alle sue prevalenti origini medievali, ed una zona nuova.

Il territorio della cittadina si estende per 124 km quadrati e include 5 km di litorale a sud di Porto San Giorgio (località Marina Palmense) e 4 km di litorale a nord (località Lido di Fermo, Casabianca e Lido San Tommaso).

Il Mare nella Marca Fermana

Sono quattro le località, in provincia di Fermo, che hanno ottenuto la Bandiera Blu prestigioso riconoscimento della Fee Italia (Foundation for environmental education) che viene attribuito ai litorali italiani. Tra queste nel comune di Fermo la località del Lido/Casabianca  di Fermo ove è situato il nostro Residence.
Nella fase di valutazione portata avanti dalla giuria nazionale, hanno dato il loro contributo istituzioni quali il Ministero dei Beni culturali e del Turismo, il Ministero delle Politiche agricole, regioni, il Comando generale delle Capitanerie, l’Ispra, Il Consiglio nazionale dei chimici e l’Anci, nonché organismi privati quali i Sindacati balneari e la Fin.

Storia di Fermo

Le origini urbane  sono molto antiche: vari scavi archeologici hanno portato alla luce, in tre diverse aree, materiale funerario risalente ai secoli IX-VIII a.C., riconducibili alla tipologia proto-etrusca (civiltà villanoviana). Dopo essere diventata colonia romana nel 264 a.C., Fermo partecipò a varie campagne di guerra, e  i suoi abitanti, nel 90 a.C, acquisirono la cittadinanza romana.

Passata sotto la dominazione del regno longobardo e poi diventata libero comune nel 1199, Fermo fu in seguito retta da un susseguirsi di signorie, durante le quali divenne capoluogo della cosiddetta "Marca fermana", un?ampia porzione di territorio che si estendeva dal fiume Musone sino ad oltre Vasto (Chieti) e dagli Appennini al mare.

Nel periodo napoleonico, fu capoluogo del Dipartimento del Tronto, uno dei tre dipartimenti (gli altri due erano quelli del Metauro e del Musone) in cui erano ripartite le Marche.

Nel 2004 è stata istituita la Provincia di Fermo, che era già esistita sino al 1860, quando fu soppressa con un decreto-legge del governo Cavour (decreto peraltro mai convertito in legge) e assimilata a quella limitrofa di Ascoli Piceno.

Luoghi d' interesse a Fermo

Di grande rilievo storico sono le Cisterne Romane utilizzate per la raccolta delle acque che approvvigionavano la colonia dell'impero. Altri punti di grande importanza sono Piazza del Popolo, incorniciata dai più antichi e prestigiosi palazzi della città, e Palazzo dei Priori, antica sede del Comune, oggi sede della Pinacoteca Civica (il percorso principale comprende anche la visita all'eccezionale Sala del Mappamondo e alla mostra archeologica permanente: "Fermo dai Villanoviani ai Piceni").

Di notevole interesse anche il Teatro dell'Aquila, uno dei più grandi e prestigiosi teatri della regione Marche, mentre più di quattro passi meritano Corso Cefalonia e Corso Cavour, dove si affacciano i più eleganti e sontuosi palazzi della città.

Il più importante edificio religioso è senz'altro il Duomo di Fermo, dedicato a Maria Assunta in cielo, che si eleva nella parte più alta del complesso urbano, caratterizzato dal suo prospetto asimmetrico di stile romanico-gotico sul piazzale del Girfalco (punto panoramico). Accanto alla cattedrale ha sede il Museo diocesano.

Il Fratino

Si tratta di un volatile di minute dimensioni dal nome tassonomico Charadrius alexandrinus: il Fratino è una specie di uccello in via d'estinzione.
Vive sulla spiaggia e fra le dune depone le sue uova.
Oggi sono poche le spiagge dove il Fratino ha l'opportunità di sopravvivere.
Fra queste Lido di Fermo conserva ancora le caratteristiche idonee.
E' la spiaggia attigua allo stabilimento balneare vicino al nostro Residence.
Da alcuni anni, volontari e studiosi hanno recintato un'area e osservano con discrezione come procede la nidificazione che avviene tra marzo e giugno.
Per gli amanti della natura è un ottimo motivo per coniugare un rilassante soggiorno in riva al mare con un turismo tutto naturalistico: un'accoglienza degna dello spirito marchigiano, una postazione per osservare i Fratini, una passeggiata ascoltando lo sciabordio delle onde e una birra fresca prima di tornare in alloggio. 

Scopri gli itinerari che proponiamo e personalizza la tua vacanza!

Vai nella nostra pagina gli Itinerari della Marca e potrai scoprire tutte le possibili escursioni che ti faranno scoprire la bellezza delle Marche